Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Ok
login
Home Contatti
RS Consulting header

Ultime Notizie

arrow 02/07/2013 11:21:18
article image
Il prezzo dell’energia scende e il costo medio del kWh sale... vediamo perché?

Quante volte i clienti ci hanno detto che non ...
sep Leggi
arrow 22/11/2012 16:35:06
article image
ENERGIA - ONERI DIVERSI E CORRISPETTIVO “CMOR”(Corrispettivo per Morosità.
Con Delibera n°99/2012/R/EEL, L’Autorità per l’Ene...
sep Leggi
Leggi Tutte >>
article image

Data: 21/04/2012 - Autore: Sergio Picone

L’AGCOM multa le compagnie telefoniche italiane.

L’ Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato ha sanzionato le compagnie telefoniche italiane TIM, Vodafone, h3g e Wind per pratiche scorrette. Gli operatori avrebbero infatti tenuto comportamenti scorretti non comunicando ai loro clienti la presenza di servizi a pagamento nelle SIM di nuova attivazione. Così facendo i clienti si sono trovati attivi servizi a pagamento non richiesti con conseguenti addebiti sulle bollette o direttamente sul credito residuo dei piani ricaricabili.

Per quanto riguarda TIM, la multa attribuitagli è stata di 300 mila euro e i servizi attivati non richiesti sarebbero la connessione a internet e la segreteria telefonica.

Motivazioni similari, internet e servizi accessori, anche per Vodafone, H3G e Wind, solo che in questi casi cambia solo la sanzione:

A Vodafone, l’Antitrust ha sanzionato una multa da 250 mila euro, a H3G una multa da 120 mila euro, mentre a Wind una sanzione da 200 mila euro. Il totale delle sanzioni raggiunge quindi quota 870 mila euro.

Speriamo che con questa nuova multa gli operatori italiani si approfittino sempre meno degli ignari clienti.